Tempo di lettura: 3 Minuti

Parlamento: meno religione, più educazione civica

Parlamento: meno religione, più educazione civica

La mozione giunta in Parlamento chiede di rivedere i rapporti con la Chiesta Cattolica. Meno religione nelle scuole, ma non solo. Da sempre l’ora di

#INSIDEUSA2020
Al via nel 2020 il corso universitario per la pubblica amministrazione
Il Presidente Sergio Mattarella ha nominato i 29 giovani Alfieri della Repubblica

La mozione giunta in Parlamento chiede di rivedere i rapporti con la Chiesta Cattolica. Meno religione nelle scuole, ma non solo.

Da sempre l’ora di religione nella scuola secondaria ha rappresentato un motivo di dibattito. Ma forse qualcosa potrebbe cambiare, attraverso una mozione presentata in Parlamento.

La mozione

In Parlamento è stata presentata una mozione per rivedere l’ora scolastica di religione e, più in generale, i rapporti tra Stato e Chiesa Cattolica.
La mozione è stata presentata lo scorso aprile. Il primo firmatario è il socialista Riccardo Nencini e gli altri firmatari sono parlamentari laici di diversi partiti. Tra le altre firme, ci sono quelle di Emma Bonino (+Europa), Loredana De Petris (Liberi e Uguali), Matteo Mantero (M5S) e Roberto Rampi (PD).

I quattro punti al centro del dibattito

La mozione presenta 4 punti.

    • Abolizione dell’ora di religione e introduzione, in sostituzione, di un’ora obbligatoria di educazione civica;
    • Modifica delle modalità con cui viene ripartito l’8 per mille;
    • Revisione delle norme riguardanti l’Imu sui beni immobili della Chiesa Cattolica;
    • Attuazione della pronuncia della Corte Europa, per il recupero dell’Ici non pagata in questi anni dalla Chiesa Cattolica.

I deputati dicono…

Secondo quanto riportato da TPI, i deputati hanno scritto che “tutti questi privilegi contrastano con la crescente secolarizzazione della società italiana, dove i cattolici praticanti sono circa il 30% della popolazione, e scendono al di sotto di questa percentuale fra i giovani; nel Paese si assiste ad un crescente imbarbarimento della vita civile per la carenza di informazioni, sulla Costituzione e le leggi dello Stato e sui doveri e diritti dei cittadini, fornire ai ragazzi dalle famiglie, dai mass media e dalla stessa scuola..

La Scuola è il luogo della razionalità, della libertà di pensiero e della pluralità di opinioni. D’altro canto, la Religione è l’elemento che ha contraddistinto il passato dell’umanità e, per molti, anche il presente e il futuro.
Quindi, come inserire l’ora di religione in tale prospettiva?

#FacceCaso

Di Claudia Marano

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0