Tempo di lettura: 1 Minuti

Con il “superaffitto”, breve o lungo, i giovany non rinunciano alla loro casa

Con il “superaffitto”, breve o lungo, i giovany non rinunciano alla loro casa

Il “superaffitto” è il nuovo bando per gli under 35 nell’affitto delle loro case: all'interno della crisi economica, ecco che a Milano nasce una spera

Il non-prezzo dell’autonomia
A.A.A. cercasi stanza a prezzo ragionevole (per favore!)
Vacanze alternative? Scegli Yescapa per un’esperienza on the road!

Il “superaffitto” è il nuovo bando per gli under 35 nell’affitto delle loro case: all’interno della crisi economica, ecco che a Milano nasce una speranza.

La ricerca di un’abitazione a costi accessibili: sì, si può fare con il “superaffitto”! E sta succedendo a Milano, da sempre una delle maggiori mete scelte da studenti e giovani talenti, se non dagli stessi residenti.

Nello specifico, Palazzo Marino ha messo a disposizione due bandi inerenti a quello conosciuto come “mercato delle locazioni”, avendo riscontrato troppo spesso prezzi irraggiungibili.

I requisiti? Possedere un ISEE pari o inferiore a 30mila euro.

E la risposta da parte del Comune si fa sentire, ma con due pesi e due misure (sperimentali): la prima soluzione parte da un budget di 1,2 milioni di euro e prende il nome di “superaffitto”. Con questi fondi si potranno coprire cinque mensilità per ogni anno di contratto, arrivando a un tetto massimo di 2mila euro annuali e 10mila euro per l’intera durata della locazione.

Invece per tutti coloro che rientrano tra i 20 e i 35 anni, ecco il “superaffitto breve”, in via del tutto sperimentale e con una soglia massima di 800 euro: una seconda soluzione più limitata, appunto, che si appoggia su un fondo di 100mila euro per un contratto della durata massima di 18 mesi.

In questo modo l’agenzia sociale per la locazione Milano Abitare, convenzionata con il Comune, cerca di risanare una situazione di mercato con un adeguato incontro tra domanda e offerta, proponendosi “di favorire l’utilizzo degli appartamenti vuoti e non utilizzati che, proprio a causa della pandemia, sono aumentati – commenta l’assessore alle Politiche sociali, Gabriele Rabaiotti – con un’attenzione rivolta in particolar modo agli studenti e ai giovani lavoratori che cercano di trovare soluzioni a costi per loro sostenibili”.

Così Milano si riconquista i suoi affitti, e i giovany? Hanno la possibilità di ricominciare. Super!

#FacceCaso

Di Eleonora Santini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0