Tempo di lettura: 1 Minuti

Perseverance su Marte ci racconterà il pianeta rosso come non l’abbiamo mai visto

Perseverance su Marte ci racconterà il pianeta rosso come non l’abbiamo mai visto

Continua l'esplorazione del Sistema Solare e di Marte in particolare, grazie alla sonda Perseverance: curiosità e dettagli sulla missione. Siamo di n

Rappresentanze studentesche? Alla Sapienza le elezioni sono per pochi
Racchette di classe, il progetto per studenti e Tennis
Le dirette video di Instagram mandate su Direct

Continua l’esplorazione del Sistema Solare e di Marte in particolare, grazie alla sonda Perseverance: curiosità e dettagli sulla missione.

Siamo di nuovo sul Pianeta Rosso. Gli sviluppi della tecnologia e la ricerca dell’ultimo secolo hanno reso realtà l’esplorazione spaziale. Il 18 febbraio 2021 Perseverance è atterrato su Marte, pronto a raccontarcelo come mai prima d’ora.

Il rover, costruito dalla NASA e basato sul predecessore Curiosity, è stato lanciato il 30 luglio 2020 ed è atterrato nel cratere Jezero, originatosi dall’impatto con una meteora e nel quale gli scienziati credono ci fosse anticamente un lago.

Perseverance ha una massa complessiva di 29 kg ed è dotato di importanti strumentazioni: due microfoni, per registrare i suoni ambientali; tre gruppi di telecamere, per un totale di ventitré dispositivi, per zoomare, registrare video in HD, acquisire panoramiche e studiare il territorio. Avrete sicuramente visto il video dell’atterraggio del rover e il ritratto del cratere Jezero ad alta definizione a 360 gradi, realizzato con la combinazione di 142 singole immagini. Queste tecnologie aiuteranno gli scienziati a mettere meglio a fuoco il paesaggio da esplorare e studiare.

Il cuore di questo sistema di apparecchiature è un chip Apple di 23 anni fa, impiegato negli iMac G3. Molto più lento dei processori odierni, ma senza eguali in robustezza e affidabilità; è stato modificato appositamente per resistere tra i -55 e i 125 gradi celsius di temperatura.

A bordo di Perseverance ci sono molti strumenti che permettono l’analisi dell’atmosfera, del suolo e del clima, per organizzare al meglio l’esplorazione umana prevista per il 2030. Due strumenti importanti sono il MOXIE, uno strumento per estrarre ossigeno dall’anidride carbonica che compone prevalentemente l’atmosfera marziana, e il Mars Helicopter Scout, un piccolo elicottero che compirà dei test di volo su Marte, equipaggiato con due telecamere ad alta risoluzione: sarà il primo velivolo (più pesante dell’atmosfera) della storia a volare su un altro pianeta.

L’esplorazione del sistema solare entusiasma tutti noi! Qualche mese fa avevamo avuto notizie curiose anche da Venere; nel frattempo, però, non dimentichiamoci della Terra.

#FacceCaso

Di Luca Matteo Rodinò

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0