Tempo di lettura: 1 Minuti

In viaggio per il Kenya: attraversiamo l’equatore e conosciamo una scuola (Pt.4)

In viaggio per il Kenya: attraversiamo l’equatore e conosciamo una scuola (Pt.4)

Eccoci alla quarta puntata del mio viaggio per il Kenya. Oggi visitiamo delle scuole, passando per l'equatore, tra giraffe coccodrilli e ippopotami.

Cervelli in fuga? Sì, ma al contrario. Il caso del Camerun
Con una manciata di plastica: quando la tecnologia sostiene l’umanità
La pace in Centrafrica al centro: borse di studio per scuole e università

Eccoci alla quarta puntata del mio viaggio per il Kenya. Oggi visitiamo delle scuole, passando per l’equatore, tra giraffe coccodrilli e ippopotami.

Come nella prima prima puntata, anche oggi vi porterò a visitare delle scuole keniote, questa volta però nel bel mezzo di un lago. Come nella seconda puntata anche oggi entreremo a stretto contatto con la comunità locale. E, infine, come nella terza puntata cercherò di farvi respirare l’energia che ho sentito sulla mia pelle durante il mio viaggio per il Kenya in stile sostenibile!

Lago Baringo: la nostra destinazione per oggi

On the road

Finalmente il giorno è arrivato, che emozione: oggi si attraversa l’equatore! Siamo diretti verso il Lago Baringo, le scuole che dobbiamo visitare si trovano proprio li.

Attraversando l’equatore

Il villaggio che si affaccia sul lago è graziosissimo, si chiama Tamarind e qui, neanche a dirlo, il piatto tipico è il pesce! Rimaniamo molto incuriositi dai forni di fango che si trovano sparsi per le strade di tutto il paesino. Il profumo di pesce cucinato ai ferri o in altri modi a noi sconosciuti, ci fa venire l’acquolina in bocca!

Forni tipici per la cottura del pesce appena pescato

Il tempo di qualche scatto al bellissimo lago e saliamo in barca per raggiungere la nostra destinazione. Nel tragitto incontriamo: coccodrilli, giraffe, ippopotami e un bel po’ di pescatori. Se c’è una cosa che ho imparato è che la crema solare non è mai abbastanza durante una gita in barca all’equatore!

Simpatici ippopotami, attenzione però che possono essere pericolosi!

L’isola delle giraffe… e della scuola!

Come prima tappa ci fermiamo nell’Isola di Kokwa che possiamo soprannominare “isola delle giraffe”, qui per la prima volta in vita mia vedo con i miei occhi questi spettacolari animali. Un’emozione unica, accentuata dalla consapevolezza che queste giraffe sono libere e protette. Non si tratta di uno zoo, questa è realtà.

Sempre nella stessa isoletta facciamo visita anche ad una splendida scuola. I bambini e le bambine ci accolgono con entusiasmo, e come sempre, sono curiosi di toccare la nostra pelle bianca. Dopo aver fatto un po’ di conoscenza ci portano a vedere le aule.

Un’altra scuola, un altro progetto

L’indomani è turno della scuola di Ilchamus, si tratta di un istituto più grande e organizzato. Anche qui grandi finanziamenti e importanti aiuti arrivano da progetti nazionali e internazionali e dall’aiuto delle ONG. La scuola che visitiamo oggi prevede anche il dormitorio e un’aula computer. 

Suona la campanella, tutti corrono in classe!

Anche in questa scuola esiste un progetto per il quale giovani ragazzi e ragazze apprendono a lavorare la terra con lo scopo di fornire loro conoscenze sia pratiche che teoriche.

Con quest’ultima scuola si conclude la puntata di oggi, vi aspetto la settimana prossima con una nuova puntata del mio viaggio per il Kenya!

P.S: Per tutti coloro che hanno voglia di esplorare qualche altro strano posto, consiglio gli altri miei racconti di viaggio, c’è solo l’imbarazzo della scelta: Albania, GreciaMacedoniaCroaziaRomania, UngheriaMoldaviaTransnistriaSerbia, un piccolo focus su Lisbonae un reportage sul mio viaggio in Ladakh, la regione dell’India che si trova sulle montagne dell’Himalaya e del Karakorum (parte 1parte 2parte 3, e parte 4).

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0